Crostata della zia Noemi

22 giugno 2014

224torta-noemi'
La prima volta che ho assaggiato questa crostata è stato a casa di mia suocera, almeno quarant’anni fa (non ero nemmeno sposata).
Mi aveva stupito molto, non tanto perchè potesse sembrare complicata, ma perchè era un modo molto originale di presentare una classica crostata di marmellata. Troppo originale per mia suocera che di dolci non ne faceva e ha continuato a non farne.
Poi è stato svelato il mistero: l’aveva fatta la zia Noemi.
Per questo noi la chiamiamo così: “crostata della zia Noemi”, anche se lei non c’è più da tanti anni.
E’ bello ricordare le persone anche attraverso i piatti che ci hanno preparato.

Ingredienti per uno stampo di 26 cm di diametro:
Per la pasta frolla:

  • 250 g di farina 00
  • 125 g di burro
  • 125 g di zucchero
  • un uovo
  • una bustina di vanillina
  • un cucchiaino di lievito in polvere

Per guarnire:

  • un vasetto di marmellata di albicocche da 250 ml
  • una grossa mela della varietà disponibile
  • 20 g di mandorle a lamelle
  • un cucchiaio di zucchero semolato
  • fiocchetti di burro

Preparate la pasta frolla (io ho sperimentato la planetaria, dono del mio compleanno! *-*)
Impastate la farina con il burro freddo a pezzettini fino ad ottene una massa sabbiosa, unite gli altri ingredienti e impastate velocemente con la punta delle dita.
Formate un panetto, avvolgetelo nella pellicola e fatelo riposare in frigo per 30 minuti.
Accendete il forno a 200° C.

Sbucciate e detorsolate la mela, quindi riducetela a fettine.
Stendete la pasta col mattarello e usatela tutta per foderare fondo e bordi di una tortiera a cerchio apribile (ma non è indispensabile, mia mamma non ne ha mai possedute) imburrata e infarinata.
Spalmate la marmellata sul fondo e disponete le fettine di mela a raggera.
Cospargete con un cucchiaio di zucchero semolato, quindi con le mandorle a lamelle e disponete qualche fiocchetto di burro.

Cuocete in forno preriscaldato a 200° C per 45 minuti.
(Indicazioni per un forno come il mio, cioè molto grande).
Il bordo deve apparire dorato, quasi bruno.

Note:
Se la marmellata è fatta in casa, può essere un po’ liquida. Per avere il fondo ben cotto, dopo 30 minuti abbassate la temperatura e prolungate la cottura.

Annunci