Confettura di pesche

24 agosto 2014

353composta-pesche'E’ indubbio che io arrivo sempre dopo. Però prima o poi arrivo!
Col metodo Ferber sono arrivata adesso.
Ne ho letto su un blog che mi piace tanto (Briciole di dolcezza) e dopo una breve ricerca mi sono resa conto che ero una delle poche che lo aveva ancora usato.
A dire la verità il procedimento è quello della mia stravecchia ricetta per la mostarda di mele mantovana.
Però più moderna, con molti meno passaggi.
L’ho sperimentata con delle buonissime pesche a polpa bianca.
Il colore e il profumo sono ottimi, sto a vedere se si conserverà bene.

Ingredienti:

  • 1200 g di pesche già sbucciate e denocciolate
  • 600 g di zucchero semolato
  • il succo di mezzo limone (molto sugoso)

Tagliate la polpa di pesche a cubetti e mettetela in una pentola di acciaio con lo zucchero e il succo di limone.
Portate a ebollizione e spegnete.
Coprite a contatto con carta forno, lasciate raffreddare e mettete in frigo fino al giorno dopo.

Riprendete la vostra frutta e mettetela in un colino.
Raccogliete il succo e mettetelo al fuoco.
Deve raggiungere la temperatura di 105° C. Schiumate e misurate, il mio ci ha impiegato 15 minuti (e spero che il termometro sia tarocco, perchè non ha voluto superare i 104,5° C).
Rimettete la frutta nello sciroppo, aspettate l’ebollizione e fate cuocere per 10 minuti.

Invasate bollente nei vasi caldi (scaldati nel forno a 130° C per 10 minuti).
Tappate, capovolgete i vasi e fate raffreddare sotto una coperta.
Non sono sicura che sia proprio il metodo Ferber.
Non resta che aspettare e vedere come si comporta!

Annunci

4 pensieri su “Confettura di pesche

I commenti sono chiusi.