Fave dei Morti (Favèta di Mort)

25 ottobre 2014

540fave-morti'Questi dolcetti risalgono all’antica tradizione contadina di onorare i defunti durante il periodo del loro ricordo annuale.
Questo periodo “per i Mort” andava dal 2 novembre fino a otto giorni dopo ed era indicato col nome “l’utavari di Mort”.
In questo periodo era probabile ricevere la visita di parenti lontani che facevano “il giro dei cimiteri”.
Ecco dunque che venivano offerti ai vivi questi dolcetti per onorare i morti.
In campagna erano diffuse varianti economiche che prevedevano l’uso di noci, nocciole e semi di albicocca, essendo le mandorle rare e costose.
Durante il periodo dei morti, davanti ai cimiteri bancarelle e ambulanti vendevano anche cartocci di dolcetti detti “ossi dei morti”. Un misto di fave, amaretti, schiumini e bastoncini di zucchero colorato a forma di tibia o omero. Si trattava però di prodotti “professionali”, non riproducibili in casa.

Ingredienti:

Tritate finemente le mandorle.
Fate fondere il burro.
Impastate tutti gli ingredienti ad esclusione dei liquori.
Dividete l’impasto in due parti.
Aromatizzate una parte con l’Alchermes e l’altra col Sassolino.
Preciso che i bicchierini erano piccolissimi, giusto un goccino.

Tenendo separati i due impasti, formate delle palline da cui ricaverete dei bastoncini delle dimensioni di 1 cm lunghi 5 cm.
Disponeteli sulla placca ricoperta di carta forno e fate cuocere in forno preriscaldato a 160° C per 20 minuti.
Il tempo è come sempre indicativo. Teneteli d’occhio.

Per distinguere i due gusti, ho girato le fave al Sassolino sul dorso di una forchetta, come per gli gnocchi.

540fave-morti-ariani'

Annunci

17 pensieri su “Fave dei Morti (Favèta di Mort)

  1. Pingback: Pani dei Morti (Pan di Mort) | Grembiule da cucina

  2. accantoalcamino

    Ciao Simona, le meterò sul blog tra un po’, le “mie” sono differenti, non contengono farina ma le vedrai così condividiamo le tradizioni. Buona giornata ❤

    Mi piace

  3. ricettedacoinquiline

    Interessantissimo! Io, purtroppo, non so molto delle tradizioni della festa dei morti (da piccola preferivo fare l’americana e leggermi le storie di Halloween), però mi fai venire la curiosità e la voglia di andare a chiedere! Chissà cosa si prepara qui…

    Liked by 1 persona

  4. giovanna

    Forse siamo rimasti in pochi a ricordare i dolci di una volta e a non festeggiare Halloween, anche qui si ricordavano i morti facendo trovare la mattina del 2 novembre dei cestini con dolcetti, qui fruttini di marturana, e bambole di zucchero.

    Liked by 1 persona

I commenti sono chiusi.