Pani dei Morti (Pan di Mort)

28 ottobre 2014

541pane-morti'Questi dolcetti, come le Fave dei Morti, erano tipici dell’utavari di Mort, la settimana dedicata alla commemorazione dei defunti.
La ricetta me l’ha data una signora della bassa, vale a dire del nord della provincia di Reggio Emilia, quella più vicina al Po e che maggiormente risente delle influenze dalla cucina mantovana e lombarda.
Per chi, come me, discende da una famiglia contadina, è chiaro che la ricetta è una versione già rimodernata rispetto a quella che doveva essere in origine.
Probabilmente all’inizio si utilizzava pasta da pane arricchita per realizzare i dolci.
Con la cessazione della panificazione domestica, la pasta da pane è stata sostituita dal pangrattato e successivamente dai biscotti, come è successo per il ripieno dei tortellini e per altri dolci contadini.
L’uvetta ha sostituito l’uva che si faceva appassire nei solai.

Ingredienti:

  • 400 g di biscotti secchi
  • 100 g di amaretti secchi
  • 250 g di zucchero
  • 250 g di farina 00
  • 250 g di uvetta
  • 2 mele grattugiate
  • 180 g di noci sgusciate
  • 50 g di cacao amaro senza glutine S.MARTINO
  • 100 g di marsala
  • 6 albumi
  • una bustina da 16 g di lievito S.MARTINO
  • un cucchiaino di cannella
  • un pizzico di noce moscata

Per completare:

Mettete in ammollo l’uvetta in acqua tiepida.
Grattugiate le mele.
Tritate nel mixer i biscotti con gli amaretti.
Tritate anche le noci.
In una grande ciotola riunite tutti gli ingredienti solidi, comprese le spezie, il cacao e il lievito setacciati insieme.
Bagnate col marsala e unite gli albumi leggermente montati.
Otterrete un impasto morbido ed appiccicoso.

Usando due cucchiai da minestra infarinati, formate i dolcetti, una cucchiaiata abbondante per volta. (Io questa tecnica dei cucchiai la devo perfezionare, mi allenerò con del purè di patate!)
Disponeteli sulla placca coperta di carta forno e fate cuocere in forno preriscaldato a 180° C per 20 minuti.
Appenta usciti dal forno, rotolateli nello zucchero a velo, ricoprendoli abbondantemete.

Note:
Ogni famiglia aveva le proprie varianti. Per esempio l’uso di fichi secchi. Anche la frutta secca poteva cambiare, prevedendo l’uso di nocciole e semi di albicocca.

15 pensieri su “Pani dei Morti (Pan di Mort)

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...