Roast beef, la vera ricetta!

11 marzo 2015

558roastbeef'Confesso di aver fatto il roast beef quasi sempre nel microonde. E con risultati non disprezzabili.
Ma, dopo aver discusso col macellaio per avere un pezzo di scamone, “e poi se è duro non venirmelo neanche a dire!”, non potevo non rispettare rigorosamente le indicazioni di mia cugina Valeria, che ai pranzi di famiglia, ci ha proposto, in varie occasioni, il roast beef “della mamma” (la sua) sempre davvero ottimo.

Ingredienti:

  • 1 kg di scamone di manzo ben legato
  • sale grosso
  • pepe
  • olio evo
  • uno spicchio di aglio
  • mezzo limone

Cospargete e massaggiate la carne col sale grosso e fartea riposare almeno un’ora avvolta in carta da macellaio.

Nel frattempo, tagliate a metrà lo spicchio di aglio e strofinatelo sulla padella.
Versate una certa quantità di olio evo (almeno un velo uniforme) e lasciate insaporire con l’aglio.

Trascorso il tempo del riposo, mettete la carne nella padella con l’olio caldo e pepatela.
Fate prendere la temperatura, mettete il coperchio e fate cuocere per 10 minuti.
Girate il pezzo di carne e fate cuocere per altri 10 minuti sempre coperto.
Spegnete il fuoco e lasciate intiepidire.
Liberate la carne dallo spago e affettatela.
Disponela nel piatto di portata.
Mettete il succo di mezzo limone nel fondo di cottura, riscardatelo e versatelo sulla carne affettata.
Servire subito.

Annunci

19 pensieri su “Roast beef, la vera ricetta!

  1. Silva Avanzi Rigobello

    A vederlo è un roast beef molto succulento e pare tenerissimo. Non l’ho mai fatto con lo scamone (io uso addirittura il filetto), in ogni caso credo che sia addirittura più adatto del classico controfiletto.

    Mi piace

    1. Grembiule da cucina Autore articolo

      La differenza fra scamone, controfiletto e sottofiletto non so bene quale sia, perchè sono tutti li vicini e ci sono anche delle differenze regionali. Se a questo aggiungiamo che i macellai della Coop sono o meridionali, o moldavi oppure siberiani …. Comunque è chiaro che il filetto è sempre filetto!

      Mi piace

      1. Grembiule da cucina Autore articolo

        “sprecato in una preparazione del genere” non mi sembra appropriato. Micca ci volevamo fare il ragù. Il filetto secondo me và cucinato nel modo più semplice possibile. Se lo impastrocchi che ti frega che sia stato un filetto!.

        Mi piace

      2. ilfoodadvisor

        Invece a mio modesto avviso il termine appropriato è sprecato perché credo sia una cattiva abitudine quella di adoperare sempre e soltanto i tagli più pregiati anche in preparazioni che non lo richiedono.
        Non intendevo sprecato perché il piatto di per se non vale la pena! Il roast beef è un piatto buonissimo che mi piace molto.
        Il senso di sprecato è quello sopra ovvero di spendere più soldi inutilmente, poi, per carità, ben vengano quelli che comprano solo il filetto o il controfiletto perché creano un surplus degli altri tagli più considerati più poveri portano e ad un loro conseguente abbassamento del prezzo pari al l’innalzamento del prezzo dei tagli più pregiati.

        Liked by 1 persona

      3. Grembiule da cucina Autore articolo

        Sono assolutamente d’accordo con te su tutto, compreso lo “sprecato”. Però , a parte che non vado oltre lo scamone, ho provato a fare il roast beef con un taglio della coscia, ma la carne è risultata dura. Col cavallo ancora di più. Io credo che il piatto richieda un taglio di carne tenera. Anche questo è uno dei motivi per cui lo faccio meno di una volta all’anno! 🙂 Tu cosa usi, se si tratta di un piatto che cucini?

        Mi piace

      4. ilfoodadvisor

        Beh nel caso specifico del roast beef lo faccio con un taglio “nobile” ovvero la lombata o controfiletto semplicemente perché è questo il taglio di carne tipico del roast beef.
        Quindi non è il filetto e non sarebbe lo scamone però quel che volevo dire io, non so se mi son spiegato bene, era un discorso più generale.
        Soprattutto, dal mio punto di vista, provare un piatto con un taglio più “econonico” ha un suo perché ma usando un taglio più caro non previsto dalla ricetta non ha senso.
        In quanto alla morbidezza della carne non dipende solo dal taglio ma dal tipo di bestia e marezzatura.
        Ho mangiato scamoni e noci tenerissime come anche controfiletti duri e stoppacciosi.
        Infatti ancor prima che dal taglio bisogna partire dalla qualità.

        Liked by 1 persona

  2. accantoalcamino

    Non l’ho mai fatto, da ragazza ho lavorato in un ristorante e il cuoco (alora erano cuochi 😀 ) lo spalmava con la senape. Grazie della ricetta, ora che arriverà la stagione calda sarà perfetto averne un po’.Buona giornata ❤

    Mi piace

    1. Grembiule da cucina Autore articolo

      Io lo faccio raramente perchè uso pochissimo il manzo, ma mi piace da matti! Credo che ogni cuoco o casalinga che sia abbia una sua versione. Certo, la senape è molto mitteleuropea. Quando ero giovane si faceva perfino fatica a trovarla qui!

      Liked by 1 persona

I commenti sono chiusi.