Zucchine agrodolci con cipolline borettane

30 giugno 2015

750verdure-agrodolce'Quando ero bambina, la domenica sera cenavo con mia mamma.
Mio padre era “in cafè” come si diceva e forse saltava la cena, non mi ricordo proprio.
Queste cenette erano piuttosto semplici.
Io avevo una tovaglietta all’americana su cui erano rappresentati dei bacelli di piselli e una melanzana, ma in modo talmente artistico che ho capito che si trattava di una melanzana solo quando ormai la tovaglietta era tutta sbiadita e lisa.
Mia mamma non aveva la tovaglietta e a pensarci adesso non mangiava nemmeno.
Spesso mi proponeva un po’ di petto di gallina e della verdura.
Ma la verdura era “imbuonita” come diceva lei.
Il segreto per rendere buona la verdura erano le cipolline in agrodolce.
Io credo che le cipolline piacciano a tutti i bambini. A me piacevano già da matti!
E sono ancora ottime per “imbuonire” le zucchine.

Ingredienti:

Tagliate le zucchine a rondelle.
Tritate lo scalogno e il sedano non troppo finemente.
In una padella con 3 cucchiai di olio evo rosolate le verdure, quindi aggiungete lo zucchero e lasciatelo sciogliere.
Bagnate con una spruzzata di aceto di mele e unite i pomodorini tagliati a metà.
Aggiustate di sale e pepe, mescolate bene e fate cuocere per circa 5 minuti.
Aggiungete le cipolline e lasciate che si scaldino bene.

Potete servirle calde, ma anche fredde.
Saranno un ottimo contorno per l’estate.

Annunci

10 pensieri su “Zucchine agrodolci con cipolline borettane

  1. Silva Avanzi Rigobello

    Mia figlia dice di me che sono “l’uomo emotivamente più sensibile del mondo” citando il film Indiavolato e paragonandomi a Brendan Fraser nella parte di Elliot…
    Non avresti dovuto fare quel cappello alla ricetta, Simona, mi ha commosso e intenerito. E non mi sono nemmeno goduta le cipolline e le zucchine. Uffa!

    Liked by 1 persona

    1. Grembiule da cucina Autore articolo

      Siva, grazie per aver letto il cappello. L’ho riletto e ho visto che mancava una parola! Povero babbo, solo la domenica sera andava “a cafè”, le altre sere era in casa e cenavamo con la tovaglia, dietetico ma tradizionale!

      Mi piace

I commenti sono chiusi.