Coda vaccina marinata con polenta

25 ottobre 2015

837coda-marinata-polenta'In una cittadina piccola come la mia ci sono persone un po’ stravaganti che tutti conoscono. Da noi si chiamano “personàg”.
L’altro giorno al supermercato ho avuto uno scambio di battute e ricette con una di queste persone.
E’ un uomo alto e magro molto distinto con una zazzera di capelli ormai grigi.
L’ho sempre visto sfrecciare in bici con una carpettina sotto il braccio.
Il nome non lo so, ma so da sempre che è un compositore e che lavora soprattutto di notte.
Lì in Coop stava esaminando il guanciale di manzo e visto che io sballottavo gli stessi vassoi mi ha chiesto come si cucinano. E dal guanciale alla coda e alla fine, se non avessi già avuto impegni, l’avrei invitato ad assaggiare questa coda marinata che l’aveva tanto colpito.

Ingredienti:

  • 1 kg di coda di manzo già tagliata

Per la marinata:

  • una bottiglia di lambrusco (o altro vino rosso comune nella zona)
  • una cipolla
  • 2-3 spicchi di aglio
  • 2-3 rametti di rosmarino
  • foglie di salvia
  • foglie di alloro
  • 10-12 grani di pepe nero
  • qualche bacca di ginepro
  • 2 chiodi di garofano

Per la cottura:

  • una cipolla
  • due carote
  • una costa di sedano
  • olio evo
  • 1/4 di litro di brodo
  • sale, pepe

Mettete i pezzi di coda in una terrina con la cipolla a pezzi e tutti gli odori e coprite col vino.
Incoperchiate e fate riposare al fresco per circa 36 ore.

Al momento di cucinare scolate i pezzi di carne dalla marinata.
Riducete a brunoise le verdure.
Mettete qualche cucchiaiata di olio nella pentola a pressione e rosolatevi bene i pezzi di coda che dovranno prendere colore.
Aggiungete la bunoise e bagnate col brodo caldo.
Aggiustate di sale e pepe e mettete il coperchio.
Fate cuocere per 60 minuti dall’inizio del sibilo a fiamma bassissima.
Trascorso questo tempo, spegnete, sfiatate e aprite la pentola.
Verificate la consistenza del fondo ed eventualmente fate restringere un poco.

Servite ben caldo.
La polenta è l’accompagnamento ideale.

Nota:
Se non usate la pentola a pressione il tempo di cottura dovrà essere almeno raddoppiato.

Annunci

38 pensieri su “Coda vaccina marinata con polenta

  1. accantoalcamino

    Ecco qua un’altra ricetta che entrerà nel menù di casa ello: io la coda la faccio in rosso e col sughetto ci condisco la pasta, fame,fame 🙂

    Mi è simpatico quel “personàg” ❤

    Liked by 1 persona

    Rispondi
    1. Grembiule da cucina Autore articolo

      In casa nostra la coda non la cucinava nessuno, nemmeno la zia Carla. Questa ricetta secondo noi è ottima, poi dipende dai gusti. Il compositore è una persona piacevolissima. Mio marito sostiene che se leggesse il blog suonerebbe al campanello. La cosa non mi preoccupa!

      Liked by 1 persona

      Rispondi
      1. accantoalcamino

        A Trieste c’è la tradizione di cucinare la coda, almeno così era ai tempi della mia fanciullezza 🙂 Era compresa nel piatto di bollito misto: a me piace da matti, non l’ho mai assaggiata “alla vaccinara”, la presenza del cioccolato mi lascia perplessa ma se è famosa ci sarà un motivo no? Ciao ❤

        Liked by 1 persona

      2. accantoalcamino

        Nemmeno io fino a poco tempo fa ma la ricetta classica della coda alla vaccinara è così, secondo me, rimanga tra noi, se ne può fare a meno, della cioccolata;-)

        Liked by 1 persona

      3. accantoalcamino

        Un po’ come le spezie nel Rinascimento, la cucina rinascimentale ne abbonda, era segno di ricchezza ma, rimango/rimaniamo sempre dell’idea che i “poveri” mangiavano meglio 😉

        Liked by 1 persona

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...