Mezze penne con verza e cumino

30 novembre 2015 611penne-verza'Secondo le tradizioni di mia suocera, la verza era l’unico cibo che si poteva consumare a pranzo, per la Vigilia di Natale.
La preparazione doveva essere semplice, magari del giorno prima, perchè le donne erano occupate nella preparazione dei tortelli e dei cappelletti. L’ideale era una zuppa, in cui intingere il pane.
Io non mi sono spinta così avanti, perchè il pane inzuppato, in casa mia, non ha un grande seguito, mi sono limitata a una pasta molto di magro.

Ingredienti per 3 persone:

  • 240 g di pasta corta
  • 4 foglie di verza
  • una cipolla
  • uno spicchio di aglio
  • olio evo
  • latte
  • parmigiano-reggiano
  • cumino a piacere
  • sale, pepe

Tritate la cipolla con lo spicchio di aglio.
Tagliate la verza a listarelle sottili.
Rosolate in padella il trito di cipolla con 2-3 cucchiai di olio, unite la verza e bagnate con mezzo bicchiere di latte. Salate, pepate e insaporite con un pizzico di cumino. Fate cuocere finchè la verza non sarà tenera, ma non fate asciugare troppo, eventualmente unite un po’ di latte.
Scolate la pasta e versatela nella padella col sugo.
Servite cospargendo con parmigiano-reggiano.

Annunci

37 pensieri su “Mezze penne con verza e cumino

  1. Neda

    Davvero molto, molto interessante questa ricetta invernale.
    Da noi, la vigilia di Natale, la nonna preparava i bigoli in salsa: spaghettoni di pasta all’uovo, fatti in casa e poi conditi con un soffritto di sardelle (acciughe), cipolla, aglio e prezzemolo e infine, una bella grattugiata di Parmigiano.

    Liked by 1 persona

    1. Grembiule da cucina Autore articolo

      Bhoo! Io ho bue boccette. Su una c’è scritto cumino e sull’altra c’è scritto kummel. Essendo dello stesso produttore, immagino che almeno lui conosca la differenza. Per mia figlia il kummel sà più di sudore. Non so se si poteva dire, ma lo sai che non sono elegante!

      Liked by 1 persona

      1. accantoalcamino

        “Il cumino è spesso confuso con un’altra spezia, il kummel, noto anche come cumino dei prati o carvi: il primo ha colore più chiaro e sapore più piccante, oltre ad avere semi di maggiori dimensioni rispetto al secondo.” Fonte web

        Liked by 1 persona

      2. Grembiule da cucina Autore articolo

        Ecco, io sono così pigra che non cerco mai le fonti web. Anzi non sono pigra, sono accidiosa e mi toccheranno quei massi da spostare per l’eternità. Anche Dante però. Ha una toscanità attuale:) Basta basta che poi mi arrabbio!

        Liked by 1 persona

      3. accantoalcamino

        😀 io vado a vedere quando arrivo ad un punto tale di confusione da non reggerlo più. La panna acida confisa con la creme fraiche oppure il latticello con il butter milk: come diceva Christopher Mccandless in Into the Wild:Chiama le cose con il loro vero nome… Beh basta anch’io che ti faccio arrabbiare 😦

        Liked by 1 persona

I commenti sono chiusi.