Ciambelline della sposa

12 dicembre 2015

881ciambelline-sposa'Questa ricetta viene da un libricino datato 1975. A molti sembrerà divertente, ma per me è disarmante.
Nel 1975 o giù di lì, quando non ero sposata e nemmeno diplomata, preparai questi biscotti.
Vennero orrendi nella forma, ma l’allora fidanzato e attuale consorte, che in casa sua non aveva mai visto biscotti home made, ne rimase estasiato.

Dopo 40 anni credevo di sapere qualcosina di più, compreso l’uso della sac a poche.
Invece i biscotti sono venuti di forma orrenda. Però buoni abbastanza per finire in un dopo cena!
Li ho chiamati “Ciambelline della sposa” perchè è il nome usato nel ricettario, ma… forse ai tempi di Renzo e Lucia!

Ingredienti:

  • 125 g di farina di mais fioretto
  • 125 g di farina bianca 00
  • 100 g di burro freddo a pezzettini
  • 100 g di zucchero
  • 2 uova
  • la buccia di mezzo limone

Impastate tutti gli ingredienti in modo omogeneo.
Usate una terrina, perchè l’impasto è morbido e appiccicoso.
Mettetelo in una sac a poche e formate le ciambelline direttamente sulla placca, senza ungerla e senza carta forno (come se usaste la sparabiscotti).
Fateli cuocere per circa 15 minuti in forno presiscaldato a 180° C.

47 pensieri su “Ciambelline della sposa

  1. accantoalcamino

    Non finisci mai di stupirmi, continuo a poensare che potresti davvero riunire tutte le tue ricette/racconti in un libro: se ne vedono in giro certi che non userei le pagine nemmeno per avvolgere il baccalà… Come facevano una volta 😉

    "Mi piace"

    Rispondi
  2. foodnuggets

    Ma sono belli i tuoi biscottini, che hanno che non va? Leggerne la storia è stato davvero divertente. Io penso che ogni piatto abbia una storia, a volte scritta su un libro, a volte impressa nella nostra memoria. Come ha reagito questa volta il tuo consorte?

    Piace a 1 persona

    Rispondi
    1. Grembiule da cucina Autore articolo

      Le frittelle di mela sono buonissime, specialmente quelle della mia amica Elisa. Io ci provo in genere nel periodo di carnevale, quando mi procuro lo strutto “bianco” e friggo i dolci tradizionali. Per la forma vabbè, ormai ho capito che non migliorerò XD

      Piace a 1 persona

      Rispondi
      1. Neda

        Noi del sambuco ne abbiamo due piante in giardino, cresciute spontaneamente e gioia per tutti gli uccelli che ne divorano le bacche, insieme a quelle del bagolaro che è alto più di quindici metri e rifugio di merli, tortore, cardellini e chiassosi stornelli.

        Piace a 1 persona

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...