Cime di rapa affogate

20 marzo 2016

686foglie-ravanello'Dopo aver scopoerto che il termine ‘ffucate non significa infuocate, come credevo, bensì affogate, ho deciso di provarle.
Ho visto varie ricette negli ultimi giorni, si somigliano tutte, ma c’è chi usa il vino bianco e chi quello rosso.

Questa preparazione è ottima per condire la pasta, ma anche per completare creme vegetali.
Noi però le abbiamo mangiate così, come contorno a un saporito pollo al bacon.

Ingredienti:

  • 500 g di cime di rapa (forse anche un po’ più abbondanti)
  • un bicchiere piccolo di vino (io bianco)
  • mezzo bicchiere di olio evo
  • uno spicchio di aglio
  • peperoncino
  • sale

Nelle ricette che ho visionato non si parla di tagliare le cime, ma le mie erano giganti, quindi le ho spezzettate.
Lavate le cime e, senza asciugarle, mettetele in una padella e fatele sfumare per una decina di minuti coperte.
Aggiungete il vino e l’olio, l’aglio a fettine e il peperoncino.
Salate e fate cuocere ed asciugare per circa un quarto d’ora.

Noi le abbiamo trovate ottime.

Annunci

31 pensieri su “Cime di rapa affogate

  1. Paola

    Da provare, prima che spariscano tra le verdure invernali! Mi piacciono un sacco e così non le ho mai fatte. Bella l’idea che possano diventare un condimento, così se ne avanzano due cucchiai … non si buttano 🙂

    Liked by 1 persona

  2. giovanna

    Io le adoro, quando le ho scoperte In Calabria, sposina novella, mi ha consigliato il fruttivendolo come cuocerle, appunto affogate, ottime, mi piacciono tantissimo con le orecchiette, qui il problema è trovarle.

    Liked by 1 persona

I commenti sono chiusi.