Polpettone di trota

3 maggio 2016

969polpettone-trota'Non sto a descrivere la faccia di mio marito quando ho preparato questo piatto.
Neanche fosse arrivata la bolletta del gas!
Non solo l’odiato polpettone, ma addirittura di pesce!
Come se avessi colpa io se gli regalano tutte queste trote!
La vista della sua braciolona l’ha un po’ rasserenato, ma non completamente; pare che l’aria in cucina fosse contaminata!

Ingredienti:

  • 300 g di polpa di trota cotta a vapore e diliscata
  • una cipolla
  • una carota
  • una costa di sedano
  • uno spicchietto di aglio
  • un uovo
  • pangrattato qb
  • prezzemolo tritato
  • olio evo
  • sale e pepe

Io ho fatto cuocere le mie piccole trote in quella pentola desueta che si chiama pesciera.
Penso che questa cosa sia stata progettata per cuocere una spigola di tre chili e neanche a vapore, perchè per evitare che le trote “pescassero” (ah ah) nel court biullon ho posto due tronchi di carote sotto la griglia.
Ho aromatizzato l’acqua con qualche foglia di alloro, rondelle di cipolla e sedano.
Una volta cotte e raffreddate ho tolto pelle e lische.

Preparate un battuto con carota, cipolla, sedano e aglio.
Fatelo rosolare in padella con olio.
Unite la polpa di trota sminuzzata.
Salate, pepate e fate insaporire.
Lasciate intiepidire, quindi unite l’uovo, il prezzemolo e il pangrattato, fino ad ottenere una consistenza morbida ma lavorabile.

Date la forma a polpettone e avvolgete in carta forno unto d’olio.
Chidete le estremità e legate a salame.
Fate cuocere il forno a 180° C per circa 30 minuti, in una pirofila con due dita d’acqua.
Togliete spago e carta e affettate.

Servitelo accompagnato con una salsetta saporita, anche piccante se piace.

Annunci

45 pensieri su “Polpettone di trota

  1. un'antipatica in cucina

    Beh, secondo me l’avrebbe mangiata ma conosciamo l'”orgoglio maschile” e la propensione del maschio a smorzare i nostri entusiasmi: per me sei stata geniale, fantasiosa e misericordiosa nei confronti di quelle “bestiole innocenti” che lui potrebbe anche non accettare 😉 No, grazie ❤

    Liked by 2 people

    Rispondi
    1. Grembiule da cucina Autore articolo

      Ci pensavo giusto ieri sera. La prossima volta ci metto dentro anche qualche cosa di più saporito, tipo olive!
      Anche il mio dragoncello è rigoglioso. Il prezzemolo anche, il basilico non cresce e la menta è sparita 😦 Ah, si è seccato il timo. Sono un’ortolana da panico!

      Liked by 1 persona

      Rispondi
  2. Paola

    Ma come, tu gli prepari un piatto insolito e abbastanza elaborato con le trote che lui, indirettamente, ti procura, e pure si lamenta? Lasciamo stare va’, ti dico solo che conosco il genere. Invece mi sembra un’ottima soluzione. Del resto, se le trote ci sono, e non si possono ributtare nel laghetto … Visto che hai parlato di salsa, ti direi di attingere alle scorte liguri: acciughe, capperi, olive, origano, anche due pomodori secchi: saporitissima e la trota non la senti più 😉

    Liked by 1 persona

    Rispondi

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...