Torta rustica di cagnetti

6 luglio 2017

Avevamo, in giardino, due grandi piante di Prunus nigra.
Ci regalavano una bellissima fioritura rosa e poi un pugno di piccoli frutti scuri.
La pianta di destra fu sradicata da una piccola tromba d’aria e l’altra, forse perchè non sopportava la solitudine, si seccò.
Ma dalle radici nacque un piccolo selvatico che fiorisce in modo meno appariscente, ma produce chili e chili di gustosi frutti rossi, sodi e poco aspri.
Oddio, poco aspri lo dico io, perchè i miei figli, poco avvezzi ai sapori di una volta, non li apprezzano affatto!
Ho tentato di far cambiare loro idea preparando questo dolce piuttosto rustico.

Ingredienti:

  • 400 g di cagnetti
  • 150 g di farina
  • 100 g di zucchero
  • un vasetto di yogurt bianco
  • 50 g di burro
  • due uova
  • un cucchiaio di saba (mosto cotto)
  • un cucchiaino di lievito in polvere
  • un pizzico di sale

Con un poco di pazienza, snocciolate i cagnetti (mirabolani, marusticani, date loro il nome che più vi aggrada).
Montate le uova con lo zucchero e un pizzico di sale. Unite il burro fuso, poi, sempre mescolando, lo yogurt e la saba.
Per ultimo aggiungete la farina setacciata con il lievito.

Foderate uno stampo con carta forno. Un tempo, per i dolci rustici, si usavano stampi rettangolari. Il mio invece era quadrato, 20 x 20.
Versate l’impasto nello stampo preparato, quindi distribuite sulla supercifìcie i frutti snocciolati. Infornate a 180 °C per circa 40 minuti.
Fate raffreddare e sformate.
Per chi non ama il gusto aspro, cospargere abbondantemente di zucchero a velo.

N.B. La tovaglietta, con un bel pizzo all’uncinetto, è un caro ricordo della mia collega e amica Nelsa, che ha continuato a creare i sui piccoli capolavori anche quando la maculopatia le aveva tolto la vista.

Annunci

15 pensieri su “Torta rustica di cagnetti

  1. Neda

    Assomiglia alla Zwetschgen-Kuchen che fa mia cognata. Noi di prugne selvatiche di questo tipo ne abbiamo un grande albero dietro a casa e fa una montagna di frutti che tappezzano tutto il terreno sotto. Secondo te, ci si può fare una marmellata? E’ utile?

    Liked by 1 persona

    1. Grembiule da cucina Autore articolo

      Io l’ho fatta. Cinque chili. Ma ho cotto i frutti prima di togliere i semi, altrimenti non finivo più.
      Abbiamo altre piante stracariche di frutti gialli, ma la marmellata non la faccio più perché è aspra. E poi ne ho sempre tanta….
      Pensavo di provare a fare un liquore, anche se il prezzo dell’alcool mi traumatizza.

      Liked by 1 persona

      1. Neda

        Grazie per la spiegazione. Le altre piante giovani che avevamo, sempre di pruno selvatico, le abbiamo inserite tutte, alcune con le albicocche e altre con delle prugne rosse oppure blu. Quella rimasta è troppo vecchia e grossa per fare qualche esperimento.

        Liked by 1 persona

      2. Neda

        Si, sui rami, perché le piante avevano già qualche anno. Quest’anno, invece, sui giovani selvatici di ciliegio abbiamo fatto l’innesto direttamente sul tronco.

        Liked by 1 persona

I commenti sono chiusi.