Sformatini di purè

15 marzo 2018
Il mio vicino di casa mi ha portato un sacchetto di uova.
“Attenta perchè hanno il guscio sottilissimo. Non so cos’hanno quest’anno le galline!”
E infatti, mentre le estraevo dalla busta, track, il dito è entato nell’uovo.

Sul fornello c’era un pentolino con un avanzo di purè e l’uovo l’ho lasciato cadere lì dentro.
“E adesso? Cosa ci farebbe Paola?”
Io ho pensato di accontentare le foglie di un bel mazzo di ravanelli che mi guardavano infelici ogni volta che aprivo il freezer.

Ingredienti:

  • avanzi di purè di patate
  • un mazzo di foglie di ravanello
  • un uovo (se non è già rotto sgusciatelo 🙂 )
  • tre cucchiai di parmigiano-reggiano
  • un cucchiaio di pangrattato
  • sale, pepe, noce moscata

Tritate molto finemente le foglie di ravanello e aggiungetele al purè.
Unite tutti gli altri ingredienti, aggiustate di sale e spezie e mescolate vigorosamente.
Dividete il composto fra diversi pirottini (io riciclo sempre quelli delle scatole dei biscotti danesi).
Per tenerli in forma si possono mettere in uno stampo da muffins.
Fate cuocere in forno caldo a 180 °C per circa 30 minuti.
Io li ho serviti tiepidi con una salsa di formaggio e noci.

Annunci

22 pensieri su “Sformatini di purè

  1. vitaincasa il lato rosa della vita

    Con le uova naturali, c’è da aspettarsi di tutto, differenza di consistenza del guscio, colore del tuorlo, dimensioni… Ultimamente ho notato che anche al supermercato alcune confezioni riportano la scritta “uova di calibro diverso”. Alla fine dei conti naturalezza non equivale a perfezione – ma sicuramente a maggiore salubrità!
    Credo comunque che le uova dal guscio fragile indichino che la gallina ha mangiato poco calcio. Una volta alle quaglie per evitare il problema si davano dei sassolini insieme agli altri semi che mangiavano. Chissà se funziona davvero, e se eventualmente vale anche per le galline?

    Piace a 1 persona

    Rispondi
    1. Grembiule da cucina Autore articolo

      Le uova del mio vicino sono diverse anche perchè le galline non sono sempre le stesse 😦
      Comunque ha detto che sta dando loro degli integratori (?)
      Per quel che riguarda i sassi, le galline hanno sempre mangiato sassolini, ma si fermano nel gozzo, dove servono a sminuzzare le granaglie. Almeno così mi insegnò la maestra Valentina, quindi con beneficio di verifica.

      Piace a 1 persona

      Rispondi

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...