Minestra di orzo perlato, porro e patate

6 novembre 2016

1004zuppa-orzo-caroteTempo fa credo di aver scritto un post in cui accennavo al fatto che l’orzo perlato mi ricorda sempre Palù del Fersina.
In realtà sono infinite le cose mi riportano a questo paese e alle prime gite in montagna.
Comunque, il mio primo sacchetto di orzo perlato l’ho comprato a Palù, chè qui in pianura l’orzo era solo quello per fare il caffelatte.
E’ un cereale abbastanza versatile, adatto per insalate o orzotti, ma l’uso che preferisco è per le minestre.
Anche per questa minestra uso la pentola a pressione, bastano 10 minuti di cottura.

Ingredienti:

  • 150 g di orzo perlato
  • un  porro
  • una carota
  • due patate
  • un rametto di sedano
  • brodo vegetale
  • pepe e sale
  • olio evo
  • prezzemolo tritato (omesso)

Lavate e scolate l’orzo.
Sbucciate le patate e grattugiatele con la grattugia a fori grossi.
Mondate e lavate le verdure e tagliatele a brunoise.
Fatele rosolare in pentola con qualche cucchiaiata di olio, unite le patate, coprite col brodo vegetale e, a bollore, calate l’orzo.
Fate cuocere per il tempo indicato sulla confezione, nel mio caso dieci minuti dall’inizio del sibilo.
Una volta cotto mescolate bene aggiustate di sale se occorre e cospargete con un po’ di pepe e prezzemolo tritato.

Annunci

59 pensieri su “Minestra di orzo perlato, porro e patate

      1. vitaincasa il lato rosa della vita

        Io prima l’orzo perlato lo usavo solo per le insalate o per gli orzotti, da quando in montagna l’ho assaggiato nella zuppa ho capito che è lì che rende al massimo! La tua ricetta semplice e saporita la proverò sicuramente!
        P.S. Tanto per riallacciarmi al discorso sulla pentola a pressione… Mia madre la usa tanto, anche per i risotti, io rientro nel novero di chi ne ha paura. Comunque trovo anche che sia più soddisfacente preparare zuppe e risotti con la pentola classica… Certo i tempi sono molto diversi!

        Liked by 1 persona

      1. Alidada

        io ho una nuora che più di ogni altra cosa ama la minestra in ogni maniera tu la fai..poi ho mia figlia e i nipoti che adorano le zuppe e le vellutate ma anche la semplice minestrina in brodo. Io adoro le zuppe…ma davvero tanto! Anni fa le odiavo. ora le prediligo 😉

        Liked by 2 people

  1. ricettedacoinquiline

    Io devo superare la paura della pentola a pressione perché si fanno delle cose veramente fantastiche in pochissimo tempo!
    Io adoro l’orzo, la prima volta l’ho assaggiato mmm non ricordo l’anno, ho una foto con la data dietro, ma dovrei cercarla, ma so per certo che ero in Molise, durante la giornata delle oasi con papà e due mie amiche. A loro non piacque molto, ma io lo adorai e rubai la loro parte! Alle superiori, poi, la mia vicina di banco mi confessò che adorava tantissimo l’orzo e il farro e che dai genitori si era fatta piantare un pezzetto di terra con l’orzo: me ne regalava sempre un sacchettino! L’anno scorso però l’alluvione le ha distrutto il campo 😦
    Ma anche il pane l’hai fatto tu?? Ma è stupendo!

    Liked by 2 people

    1. Grembiule da cucina Autore articolo

      Io sono cresciuta col fischio della pentola a pressione nelle orecchie, ma molte persone sono diffidenti. Al giorno d’oggi ci sono diverse alternative, forse la pentola a pressione è obsoleta, ma io sono troppo abituata ad usarla.
      No no, il pane lo fa’ il nostro panettiere. E’ il fiore all’occhiello del suo forno. Un pane fatto con l’emulsione di strutto. E’ bello, ma non tanto quanto è buono.

      Liked by 1 persona

      1. ricettedacoinquiline

        Mia madre, invece, ne ha molta paura. Poi da lei non lo usava nessuno! Dal lato di mio padre, invece, mia nonna era solitissima usarla, infatti la figlia (mia zia), la usa sempre. Mamma dice sempre che devo andare da lei a fare lezioni di pentola a pressione! Ma mi sembra una cosa troppo stupida XD
        Emulsione di strutto??? Ma allora è uno spettacolo!! Davvero in tutti i sensi *-*

        Liked by 2 people

      2. Grembiule da cucina Autore articolo

        Puoi sempre farti dare dalla zia il libretto delle istruzioni! Anche mia suocera ne aveva paura e la usava con la valvola aperta! 🙂 🙂
        E’ davvero un pane buonissimo. I miei figli vogliono sempre quello, anche se è ipercalorico!

        Liked by 1 persona

  2. NonsoloNonna

    eccoti qua..ancora con una delizia autunnale, ideale in questa giornata di tanta pioggia e vento, magari gustata davanti ad un camino acceso…grazie per la gustosa ricetta, già inserita tra i preferiti. Un abbraccio buona serata<3

    Liked by 1 persona

  3. Giusy

    Qui in Toscana purtroppo sono arrivate le piogge e dovremo dire addio alle belle giornate assolate…quindi una minestra come questa comincia ad essere perfetta… un ottimo confort food! Deve essere squisita! 🙂

    Liked by 1 persona

  4. Fior di Sambuco

    Per fortuna a Trieste c’è sempre stata la tradizione dell’orzo, indimenticato “orzo e fasoi” che ho fatto ma mai postato, mi a che devo darmi una mossa. Mi piace la tua versione dai colori tenui. Ello va matto per l’orzotto per cui a casa non manca mai questo cereale. Stavo per chiederti se hai fatto la treccia poi ho letto i commenti 😉 Comunque saresti capace di farla, anche più bella ❤

    Liked by 1 persona

I commenti sono chiusi.