Riso “asciutto” con piselli e asparagi

5 giugno 2015

757riso-piselli'Mia mamma non ha mai fatto un risotto, per quel che ricordo.
Lei faceva il riso asciutto e lo chiamava proprio così, “rìs sòt”.
Semplicemente trattava il riso come la pasta. Pastasciutta, riso asciutto!
Il riso era rigorosamente superfino Arborio, quello coltivato nelle valli della bassa reggiana e modenese.
Me ne sono ricordata poco tempo fa, quando per l’ennesima volta i figli si sono lamentati della “cremina” che si forma nel risotto.

Ho preparato questo piatto con gli ultimi asparagi della stagione e un poco di piselli freschi.
La curcuma non ha niente a che fare con mia mamma, ma ormai l’ho comprata e la uso un po’ qua e un po’ là. Pare faccia così bene!

Ingredienti per 3 persone (con poca fame):

  • 240 g di riso arborio
  • una dozzina di asparagi
  • due manciate di piselli freschi circa 150 g
  • mezza cipolla
  • una carotina
  • una piccola costa di sedano
  • olio evo
  • sale, pepe
  • un cucchiaino di curcuma

Mondate gli asparagi, pelate i gambi e riduceteli a tocchetti. Tenete da parte le punte.
Tritate finemente la cipolla con la carota e il sedano.
Rosolate il trito con qualche cucchiaio di olio, unite gli asparagi e i piselli. Fate saltare per qualche secondo, quindi bagnate con un mescolo di acqua calda in cui avrete sciolto la curcuma.
Aggiustate di sale e pepe.

Cuocete il riso in abbondante acqua salata.
Per l’arborio ci vogliono 15 minuti.
Intanto, verso metà cottura aggiungete le puntine di asparago nella padella delle verdure.
Scolate il riso e irroratelo con un filino di olio crudo, quindi conditelo con le verdure.

In questo modo il piatto è anche vegano.
Se aggiungete un po’ di parmigiano-reggiano sarà solo vegetariano.
Io ho evitato il formaggio, perchè ultimamente crea qualche problema a mia figlia, ma il piatto è davvero saporito ugualmente.

Annunci

15 pensieri su “Riso “asciutto” con piselli e asparagi

  1. Mi....semplicemente

    sai mi viene in mente, un pò di anni fa, una amica ci propose un risotto di pesce….cucinò il riso a parte e il sugo di pesce da un’altra…..poi condì il riso col sugo….io dissi che il risotto si cucinava in altra maniera, ed allora si formarono le fazioni…chi diceva di sì e chi no…. ora, grazie a te ho svelato l’enigma 😉 Buona serata

    Liked by 1 persona

  2. Pingback: Riso con verza e pancetta affumicata | Grembiule da cucina

I commenti sono chiusi.